PREMIO ADRIATICO 2019 - MOLISE

    TERMOLI. Come rendemmo noto alcune settimane fa, c’è anche lo scrittore termolese Oscar De Lena tra i 70 vincitori del Premio Adriatico 2019,organizzato a Guardiagrele dall’associazione Irdidestinazionearte, che ha comeprincipale obiettivo la creazione di una rete nazionale ed internazionale di artisti escrittori, che contribuiscono con le loro opere ed esposizioni a diffondere il verosignificato dell’arte attraverso mostre in varie parti del mondo, premi letterari epresentazioni di libri. L’ Associazione è ora impegnata nell'evento internazionale: “Premio Adriatico. Unmare che unisce”, nel quale sono tributati riconoscimenti a personalità di varieregioni italiane e nazioni che si affacciano sul mare Adriatico o che hanno costruitoponti e legami con le stesse ma, in ogni caso, che eccellono nel campo dellapoesia, giornalismo, arte, politica, sociale, sport, saggistica, musica, imprenditoria,scuola, narrativa ed anche un premio alla memoria. La commissione designatrice è presieduta da Massimo Pasqualone e compostada Mariagrazia Genova (Veneto, Friuli Venezia Giulia, Slovenia, Croazia); TizianaGualandi (Emilia Romagna); Carlo Gentili (Marche); Maria Basile (Abruzzo);Marilena Ferrante e Maria Teresa Antonarelli (Molise e Albania); Elisabetta Grilli eAngela Barratta (Puglia). La premiazione avverrà il 28 dicembre, alle ore 17, presso l’ Ente MostraArtigianato Artistico Abruzzese a Guardiagrele con la consegna di settantariconoscimenti. Per l’Abruzzo verranno premiati: poesia Federica Maria D'Amato; giornalismoMonica Pelliccione; arte Nunzio Di Placido; politica Antonio Tarquinio; socialeLuciana Notarfranco; sport Emanuele Cavallucci; saggistica Luigi Di Giosaffatte;musica Vincenzo De Ritis; imprenditoria Luciano Di Massimo; scuola MarialuisaMarini; narrativa Roberta Placidada; memoria Arben Shehi. Per la Puglia poesia Donato Tambone; giornalismo Matteo Schinaia; arte GiovanniMappa; politica Bruno Maggi; sociale Asd Gargano 2000; sport Michele Grassi;saggistica Luigi Paglia; musica Domenico Losavio; imprenditoria Anna Miccoli;scuola Michele Guerra; narrativa Roberto Chirico; memoria Salvatore Castrignano. I vincitori molisani sono: narrativa Francesco Giampietri, poesia Carlo Cappella,scuola Sergio Sorella, imprenditoria ModaImpresa, giornalismo Paolo De Chiara,saggistica Oscar De Lena, memoria Domenico Pellegrino ( detto Mimmo), politicaFelice Ciccone, sport Maria Josè Giorio, arte Carma Artista, sociale Mario Ianieri,musica Morris Capone.   Per il Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Albania e Slovenia i vincitori sono: ARTEMauro De Francesco; GIORNALISMO Antonio Saccone; IMPRENDITORIATiziano Zanatta; MEMORIA Bruno Donadel; MUSICA Xhoana Askushaj;NARRATIVA Stefano Bisani; POESIA Anila Hanxhari; POLITICA Elisa Venturini;SAGGISTICA Egidio Ivetic; SCUOLA Eddy Furlan; SOCIALE Marco Marinelli. Per le Marche: poesia Mario Monachesi; giornalismo Olga Bibi Segaar; arteMaurizio Governatori; politica Marzia Malaigia; sociale S.Em. Edoardo Menichelli;sport Simone Ruffini; saggistica Marco Marziali; musica Giuseppina Piunti;imprenditoria Giovambattista e Ilaria Marilungo; scuola Agata Turchetti; narrativaRaffaella Milandri; memoria Vincenzo Galiè. Per l'Emilia Romagna: poesia Silvia Parma; giornalismo Alfredo Pasquali; socialeDante Dondarini; imprenditoria Simona Sagone; arte Felice Tagliaferri; scuolaRolando Dondarini; musica Federico Ferri; sport Cristina Cassanelli; politicaLorenzo Cipriani; memoria Jil David; saggistica Natascia Ronchetti; narrativaGiancarlo Giudice. Fonte:   Redazione di Termoli on line  del 27 dicembre 2019 SAGGISTICA, IL PRESIDENTE DELL’ARCHEOCLUB OSCAR DE LENA VINCE IL PREMIO ADRIATICO TERMOLI. Il presidente dell’Archeoclub di Termoli, Oscar de Lena, è stato insignito del ‘Premio Adriatico 2019 – Un mare che unisce’ , nella sezione della saggistica. Oscar De Lena è stato premiato per il volume ‘La storia dei Fratelli Brigida e la Rivoluzione Napoletana del 1799‘, presentato nello scorso mese di febbraio. Per il presidente dell’Archeoclub, nonché insegnante della Unitre, si tratta dell’ennesimo riconoscimento dopo la Targa di riconoscimento come pensionato emerito del 2012 avuta dal Rotary Club di Termoli, la Targa di riconoscimento come amico dell’ambiente 2018, ricevuta dall’associazione Ambiente basso Molise. Ma ci sono anche la Targa di riconoscimento ‘Città di Termoli’ alla 31esima giornata della Gente di mare 2018 per la promozione della conoscenza della città di Termoli, l’Alferino d’oro 2019 che gli è stato assegnato a Guardialfiera durante la giornata mondiale della poesia per la sua opera divulgativa di spessore umano e culturale. Questo ulteriore premio è voluto dall’associazione Interdestinazione arte e abbraccia 7 regioni italiane, partendo da Guardiagrele, cittadina in provincia di Chieti passando per quindi per Abruzzo, Molise, Puglia, Marche, Emilia-romagna, Veneto e Friuli-Venezia Giulia. La cerimonia di assegnazione avverrà il prossimo 28 dicembre. Fonte:   Redazione di Primonumero  del 24 novembre 2019


     
    GUARDIALFIERA - SULLE TERRE DEL SACRAMENTO 2019

    TERMOLI. La poesia, ovvero: all’improvviso la felicità, come canta Lino Rufo sul palco del Centro Studi di Guardialfiera, il Comune che oggi 2 ottobre celebra – un unicum – la 31esima Giornata mondiale della Poesia, istituita dall’Unesco e che solitamente il mondo festeggia il 21 marzo. Ma qui, nelle Terre del Sacramento, nella patria di Francesco Jovine, anche il calendario “istituzionale” deve cedere il passo alla creatività e alla passione degli organizzatori, che in libertà e secondo ritmi propri sanciscono epigrammi ed elegie quali vincitori  della sfida più complessa: quella all’arroganza e agli egoismi, come riflette Vincenzo di Sabato, storico presidente del Centro Studi che ha ceduto il testimone a Giovannino di Risio. Una edizione particolarmente brillante quella di oggi 2 ottobre, in concomitanza con la festa dei nonni, che ha visto una larga partecipazione di pubblico fra cui i ragazzi dei licei e delle scuole superiori di Larino. Alla presenza del sindaco Enzo Tozzi, del presentatore più vivace della regione, Maurizio Varriano dei Borghi d’eccellenza, dell’intellettuale silentino Peppe Barra, dei cittadini arrivati da Eboli con cui Guardialfiera è gemellata, il preside Antonio Mucciaccio ha tenuto una breve ed efficacissima Lectio Magistralis sui versi che hanno fatto innamorare gli animi e le menti di infinite generazioni, proiettati verso lo slancio all’eterno. L’occasione è irresistibile: il bicentenario dell’Infinito di Giacomo Leopard, una delle poesie più amate e declamate di sempre, datata 1919, riflessione sempre attuale e toccante della vita. “Perché la poesia è senza tempo e senza confini”, come dimostra l’Idillio (l’Infinito è un idillio di evocazione classica) del poeta più rivoluzionario dell’800 italiano, tradotta in 80 lingue. Più che mai calzante per il luogo e la storia, con quell’incipit indimenticabile: sempre caro mi fu quest’ermo colle, che peraltro pare celebrare proprio Guardialfiera e il suo affaccio bello da togliere il fiato. Una mattinata ricca di spunti e di cultura, quella cultura che – ha ricordato il presidente del Centro Studi Di Risio, come anche il primo cittadino di Guardialfiera – “fa bene al cuore e alla mente perché risana e ristora”. Dai maestri Lino Rufo e Nicolino Cannarsa con le loro esibizioni musicali all’attore Francesco Vitale, un talento che si è cimentato in uno straordinario monologo su Galileo Galilei. Spazio anche alla premiazione di personaggi che, in forza di un ruolo, si sono conquistati l’Alfierino  d’oro, ormai storico marchio di salvaguardia dei valori umani nella realtà molisana, simbolo per eccellenza di resistenza è passione. Oltre a Luigi Sansone, presidente della Banca Popolare molisana, Antonio Vincelli, storico di Casacalenda che non ha bisogno di presentazioni, hanno ritirato il riconoscimento, in un clima di emozione genuina, Oscar de Lena presidente dell’Archeoclub, il maestro Lino Rufo e Angelo Massarelli, montatore della Rai. Premiata anche la stampa locale, a conferma del valore dell’informazione sul territorio, quella che dà voce alla gente e racconta la forza e il coraggio del Molise migliore, la resistenza contro lo spopolamento. Premiati il direttore di Primonumero.it Monica Vignale, Emanuele Bracone per la redazione di Primo Piano Molise e il Quotidiano del Molise, che ha chiuso dopo 21 anni di esperienza i battenti della carta stampata restando solo sul web, rappresentato dal giornalista Alessandro Cristina. Fonte:   Redazione di Primonumero  del 2 ottobre 2019


    GENTE DI MARE 2018

    TERMOLI. Giunta alla 31° edizione il Premio "Gente di Mare", che si celebranella giornata della festività di San Basso, dove l'amministrazione comunalepremia i migliori studenti delle scuole superiori e dell’Università e i personaggi termolesi che con la loro professione o arte si sono distinti e hanno dato lustroanche fuori dal contesto cittadino, tanti studenti con il massimo dei voti e molti conla lode in dote. Sono stati 17, inoltre, alla faccia della scaramanzia i personaggi premiati con unatarga e tanto di motivazioni, tra questi il nostro amico Oscar De Lena, a cui dedichiamo perché se lo merita, un servizio a parte, l'avvocato Angelo Marolla cheinvece di arringhe, sta facendo incetta di premi per le sue poesie e racconti invernacolo a Termoli, nel Molise e anche come si dice in termolese "Fuori Porta", losportivo Ermanno Colonna e la prima donna molisana che raggiunge certi livellinei quadri arbitrali calcistici Daniela D'Onofrio, l'allenatore a livello italiano einternazionale Pasquale Venditti, il giornalista affermato Ettore Maria Colombo,Antonio Recinella, amministratore delegato di Elica S.p.A., capofila di un Gruppoleader mondiale nella produzione di cappe aspiranti da cucina, Giovanni Sallustioe i suoi figli specialisti in infissi, la Guidotti Ships, premiata anche l'AssociazioneOnlus di volontariato "Sorridere Sempre". Un premio anche questo strameritato per la dottoressa Elda Della Fazia,l'Ingegnere progettista Ennio Meccia nell’ambito Fiat, il professore del LiceoArtistico Luigli Petrosino, l'Emerito professor Giovanni Fabrizio che è statopremiato anche per l'opera meritoria della Lilt per la ricerca e prevenzione contro ilcancro, Silvio Marroni dell'Italcom, la giovane laureata a Torino con la tesi sullasalvaguardia del dialetto termolese Roberta Croce, poi alla fine un premio specialeper chi nel borgo vecchio ha partecipato al concorso il balcone più bello, il premioche consisteva in un premio in denaro, è andato alla signora Vittoria D'Angelo cheabita in vico San Pietro e che ha una balconata fiorita meta di tanti turisti che sifanno sempre i selfie. Fonte:   Redazione di Termoli on line  del 06 dicembre 2018


    © 2020 OSCAR DE LENA - All Rights Reserved - 
    Image